Spostamento: capitolo 4

Unsplash

Capitolo 1

capitolo 2

capitolo 3

Le luci del bagno tremolarono mentre Daniel si accaniva nella paura mentre la testa deforme della sua ragazza lo inseguiva fuori dalla stanza e negli alleati del supermercato. Il resto del busto e il corpo insanguinato iniziarono ad emergere con la creatura che era ancora nel bagno.

Daniel corse per la sua vita mentre la testa a otto zampe strisciava veloce dalla stanza buia. Seth e Holly urlarono per l’orrore mentre la testa mutava la creatura caricata verso il loro migliore amico. Proprio quando la testa raggiunse lo spaventato Daniel, trovò un grosso oggetto contundente proprio accanto a lui sul pavimento e lo immerse profondamente nella testa deformata della sua ex.

La testa si contrasse mentre schizzava inchiostro nero e sangue rosso cremisi su tutto il pavimento e intorno al corpo di Dan.

Uno scricchiolio vuoto poteva essere udito dall’interno del bagno delle donne. Tutti e tre gli adulti terrorizzati guardarono la direzione del bagno. Il mostro deforme è stato espulso dal telaio della porta e dal muro e ha immediatamente inseguito il gruppo. La creatura era grande con punte simili a cristalli neri che sporgevano dal suo corpo. Intorno alle punte di inchiostro pulsavano come vene avvolte in un colore cremisi. Mentre scivolava rapidamente attraverso la stanza, si poteva dire che c’erano diversi arti e parti del corpo spezzate incise insieme per rendere questa creatura ingrandita. Il disumano rumore stridente rese questo mostro ancora più terrificante.

Tutti e tre gli adulti corsero il più velocemente possibile nel retro del supermercato. La creatura in costante crescita era veloce mentre si abbatteva e squarciava i diversi scaffali degli alleati. Holly urlò per l’orrore mentre inciampava e si appiattiva sul pavimento di marmo. Daniel e Seth andarono ad aiutarla, ma si incontrarono con il pavimento di marmo imbevuto di spessi strati di sangue e Holly coperta.

La faccia di tutti divenne gelida mentre guardavano per vedere da dove provenisse tutto questo sangue. Sul retro del negozio, c’erano pile su pile di cadaveri umani. Erano tutti ammucchiati contro le pareti posteriori dei negozi. I loro arti si sparpagliarono e alcuni furono esposti e strappati l’interno. La creatura, che li stava ancora inseguendo, non era troppo indietro e strillò di nuovo. Il gruppo continuò a correre e quasi cadde sul pavimento intriso di sangue. Alla fine raggiunsero l’ufficio del direttore e sbatté rapidamente la porta dietro di loro. Sperando che questa stanza potesse tenerli al sicuro dall’orribile mostro che li stava aspettando fuori …